Loading

Niagara On The Lake, una bella scoperta

Siete a Niagara Falls e vi state godendo le maestose e più famose cascate d’America? Bene, ritenetevi già dei fortunati. E’ un posto bellissimo e che offre mille divertimenti. Ma come dicono tanti, forse anche a ragione, Niagara Falls ha subito (e non poco) la cementificazione e gli effetti del turismo di massa. E nei paraggi cosa c’è d’interessante?

A due passi da Niagara Falls c’è un “villaggio” bellissimo in cui vale la pena fare un salto. Vogliamo scoprirlo assieme?

Niagara on the Lake

Sto parlando di “Niagara On The Lake“. E’ stata la nostra tappa intermedia nel viaggio da Niagara Falls in direzione Toronto. Un luogo davvero speciale, pieno di storia, bellezza e tranquillità.

Situata proprio a due passi (circa 30 km) dalla più famosa Niagara Falls, nella regione vinicola del Canada, “Niagara On The Lake” è un villaggio del XIX secolo che ha mantenuto intatto il suo fascino. Da qui potrete muovervi in bicicletta o in auto e visitare la zona circostante, fermandovi a bere un buon bicchiere di vino in una delle tante “Wineries” o dedicarvi ad una interessante visita al Fort George National Historic Site.

Il punto di forza di questa cittadina è la magnifica zona geografica in cui sorge. La Niagara Region è, infatti molto conosciuta grazie alle sue Wineries. E’ una zona che si presta benissimo alla coltivazione della vite, di diverse qualità, e da vita al pregiatissimo “Icewine Canadese”, un vino dolce da dessert famoso per il sapore intenso e il gusto vellutato che si ottiene da grappoli lasciati gelare naturalmente mentre sono ancora attaccati alla pianta. La produzione di ottimi vini, assieme ad eccellenti produzioni di pesche e mele, danno vita ad interessanti percorsi eno-gastronomici che rendono turisticamente ghiotta tutta la regione.

Niagara Falls winery

“Niagara On The Lake” rappresenta, inoltre, una interessantissima opzione per un pernottamento alternativo al chiasso e alla vivacità di Niagara Falls. Tra l’altro, è conosciuta anche come The Loveliest Town in Canada, la città più romantica del Canada. Per questo la ritengo una soluzione adatta in particolare alle coppie in viaggio di nozze.

Foliage Niagara on the Lake

Una bella passeggiata in centro, un gustoso Fish & Chips in un delizioso ristorantino, un giretto tra i negozi e via. Così sono volate via le nostre tre orette di sosta prima di riprendere il cammino in direzione Toronto.

“Niagara on the Lake” è questa: niente casinò o ruota panoramica, ma graziosi villini costruiti tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Una cittadina a misura di famiglia in cui ritemprarsi prima di riprendere il viaggio “On the Road” in terra americana!

 

Niagara On The Lake in pillole:

  1. Dov’è il centro della città? Niagara On The Lake è molto piccola. Recatevi all’incrocio tra la Queens Street e King Street e sarete nel cuore della Old Town;
  2. Dove parcheggiare? Parcheggiare non sarà un problema. Vi consiglio comunque il parcheggio di Picton Street, 120 m. a sinistra oltre l’incrocio di cui sopra;
  3. Cosa fare? Le attività più interessanti sono quelle legate ai percorsi eno-gastronomici. Ma se avete solo qualche ora a disposizione, vi consiglio di parcheggiare in centro e di godervi Queens Street. Shopping, ristoranti, parchi urbani, architettura, ecc. non mancheranno di certo;
  4. Dove mangiare? La Old Town è piena di deliziosi ristorantini in cui poter mangiare veramente bene. Personalmente ho pranzato al Corks Winebar & Eatery, una birreria molto carina in cui poter mangiare un ottimo Fish & Chips. Si trova proprio di fronte al “Memorial Clock Tower of Niagara On The Lake”, ossia la Torre dell’Orologio sita su Queens Street. Un’ottima soluzione per un pranzo veloce;
  5. Quando andare? Consigliato in estate per il clima e i numerosi eventi culturali/musicali, anche in autunno Niagara On The Lake è bellissima. Il foliage offre uno spettacolo straordinario. Andate in ottobre, resterete assolutamente incantati!
valeriontheroad

valeriontheroad

Papà (neo) Travel Blogger. Innamorato del mondo e cultore del viaggio "On The Road".

1 Comment

LEAVE A COMMENT